Accanto all’attività di certificazione, il laboratorio di GFC Chimica è da sempre attivo nella ricerca e nello sviluppo di prodotti innovativi da proporre al mercato.

GFC Chimica vanta numerose collaborazioni con atenei ed istituti universitari di ricerca.
Tali collaborazioni hanno portato l’azienda a condividere progetti che hanno dato vita a 5 Dottorati di Ricerca, finanziati da GFC Chimica; il lavoro di ricerca è stato svolto e portato avanti nei laboratori universitari e dell’azienda.

L’azienda ha lavorato per conto di grandi gruppi multinazionali – produttori di pitture e vernici – interessati allo sviluppo di prodotti vernicianti e materiali da costruzione che prevedano l’utilizzo di materie prime innovative e/o prestazioni particolarmente performanti; ha assistito diversi clienti – produttori di materie prime per il settore coating – nello sviluppo formulativo di pitture e vernici che si basino sui loro prodotti. Dalle pitture per edilizia fino a coating speciali per la protezione delle condutture per l’estrazione ed il trasporto del petrolio, GFC Chimica riesce a fornire formulazioni all’avanguardia per ogni necessità.

GFC Chimica è spesso impegnata in rilevanti progetti, finanziati dall’Unione Europea, che le permettono di essere in contatto con aziende private e centri di ricerca pubblici. Dallo studio di pitture commestibili per la protezione degli alimenti trattati, fino allo studio della tossicità delle nanoparticelle usate in pitture e vernici, l’esperienza di GFC Chimica abbraccia numerosi campi di applicazione.
GFC Chimica è quindi il partner ideale per le aziende produttrici di pitture e vernici poiché unisce la competenza di un laboratorio di ricerca di livello universitario con le necessità tecniche e commerciali delle aziende che devono ottenere risultati appetibili sul mercato, arrivando a proporre anche batch industriali dei prodotti ottenuti dalla ricerca.

rd1

EDIBLE COATING
Fondi: progetto cofinanziato dal MIUR
In collaborazione con: Università di Ferrara, Facoltà di Farmacia
Anni: 2001-2004
Un docente della Facoltà di Farmacia dell’Università di Ferrara aveva sviluppato un composto multivitaminico ad azione antiossidante. L’idea di GFC Chimica è stata di sviluppare coating di materiale commestibile (basati su zeina e chitosano) in cui inserire il composto multivitaminico. Lo scopo finale era applicare tali coating su frutta e verdura per rallentare l’ossidazione e quindi poterle conservare per brevi periodi senza l’ausilio di packaging di materiale plastico. I coating ottenuti si sono dimostrati ottimi anche per la conservazione dei fiori recisi.
Il progetto è stato meritevole del cofinanziamento da parte del Ministero dell’Università e della Ricerca.

rd1

NANO PCC
Fondi: privati
Anni: 2002-2005
Una azienda multinazionale, attiva nella produzione di carbonato di calcio precipitato, aveva realizzato nanoparticelle del medesimo materiale e, con queste, diverse interessanti nanostrutture. Non sapendo come applicarle in prodotti di uso comune, ha incaricato GFC Chimica di studiarne l’uso in coating e materiali da costruzione. Il risultato è stata la realizzazione di formule per intonaci macroporosi ma superesistenti, intonaci fonoassorbenti, stucchi estremamente flessibili.

rd3

PIGMENTI ANTI CORROSIVI
Fondi: Unione Europea, V° programma quadro
Anni: 2003-2004
GFC Chimica è stata coinvolta quale performer nel progetto dal titolo “Development of pigments modified with conductive polymers (CP-PROTECON)”. L’attività di GFC Chimica ha riguardato l’esecuzione di test di laboratorio per determinare le proprietà anticorrosive dei pigmenti e le prestazioni dei coatings mediante prove meccaniche e chimico-fisiche.

rd4

PITTURE FOTOCATALITICHE SENZA EFFETTO DI SFARINAMENTO
Fondi: privati
Anni: 2005-2006
Un prestigioso colorificio italiano ha richiesto a GFC Chimica di studiare come porre rimedio ai problemi che tipicamente si riscontravano nell’uso di biossido di titanio fotocatalitico. GFC Chimica ha realizzato un pacchetto di formulazioni di prodotti vernicianti per edilizia che limitavano i difetti tipici dei prodotti a base di titanio fotocatalitico, primo fra tutti lo sfarinamento delle superfici

rd1

NANO HOUSE
Fondi: Unione Europea VII° programma quadro
Anni: 2009-2012
Il progetto, capitanato dalla francese CEA, prevedeva lo studio della tossicità di nanoparticelle usate comunemente in pitture e vernici per edilizia. Da una parte i laboratori delle università di Leuven (Belgio), George Fournier (Francia), EMPA (Svizzera) e Ca’ Foscari (Italia); dall’altra Akzo Nobel, PPG e l’allora Materis. In mezzo, GFC Chimica quale giunzione fra i laboratori universitari ed i produttori industriali, data la sua capacità di essere sia centro di ricerca che centro di produzione e, quindi, di parlare con entrambe le realtà. L’incarico dato a GFC Chimica è stato di supportare l’attività dei partner industriali con prove di laboratorio sui coatings contenenti le diverse tipologie di nanoparticelle. Ciò al fine di valutarne il comportamento in termini di prestazioni e seguirne il ciclo di vita dalla preparazione allo smaltimento.

rd1

PITTURE PER ESTRAZIONE PETROLIFERA
Fondi: privati
Anni: 2014 – in corso
Per conto di una ditta straniera, GFC Chimica ha studiato, sviluppato e messo a punto un coating speciale per la protezione delle tubazioni per l’estrazione del petrolio. Il coating, di nuova generazione, deve resistere a temperature e gradi di acidità estremi.

rd7

UTILIZZO DI EMULSIONI NEL SETTORE PITTURE E VERNICI
Fondi: privati
Anni: 2014 – in corso
Per conto di una grande multinazionale, GFC Chimica sta svolgendo un lavoro di consulenza e certificazione di emulsioni destinate all’uso in prodotti da edilizia. Il pacchetto comprende la stesura di tracce formulative, la certificazione delle proprietà delle materie prime e dei prodotti ottenuti con esse e la comparazione delle prestazioni con i principali benchmark sul mercato.